fbpx

PILASTRO E CANNA FUMARIA NON SIANO VINCOLI MA PUNTI DI PARTENZA.

Quante volte in mezzo alla stanza capita un pilastro, idee per la soluzione

Già…quante volte nella ristrutturazione ci siamo trovati pilastri in mezzo alle stanze o canne fumarie che attraversavano pareti?
Quante volte in fase di studio di spazi interni, i pilastri, le canne fumarie e perché no anche i vani ascensori costituivano impedimenti importanti?

In realtà ognuno di noi almeno una volta nella vita ha avuto a che fare con questi problemi in fase di ristrutturazione e ahimè…si è dovuto adattare sacrificando tutta la progettazione dei nuovi spazi interni!!

Al fine di semplificare la progettazione, consigliamo verosimilmente di rendere questi impedimenti punti di partenza e di forza, infatti suggeriamo in fase di progettazione di ruotare intorno a questi vincoli affinché si possa definire la vostra nuova distribuzione interna. Come??

Iniziate distribuendo gli spazi intorno ai pilastri inglobandoli nei tramezzi o nei muri, tranquilli se vi si creeranno delle nicchie, queste potrebbero essere sfruttati come ripostigli, lavanderie o librerie. Se avete una canna fumaria che attraversa la parete ad esempio di una vostra camera o del vostro studio e questa non soddisfa appieno il vostro gradimento, usatela come parte integrante del vostro nuovo mobilio infatti creategli intorno una parete attrezzata che possa ottimizzare quanto più possibile ogni centimetro di superficie…

 

LA SOLUZIONE A PILASTRI O CANNE FUMARIE – Facciamo un esempio pratico.

 

definitivo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mettiamo che acquistiate un appartamento di circa 72 mq con un terrazzo di circa 36 mq e vi accorgete che la distribuzione interna di questa abitazione risulta obsoleta e mal fatta. (Vedi “Ante Operam”) A questo punto cosa fate?

Sicuramente cercherete di migliorarla e quindi progetterete nuovamente gli spazi interni (vedi planimetria “Post Operam”), cercando di sfruttare ogni minimo centimetro di superficie. Risolutiva sarà progettare partendo dai vincoli dell’appartamento come: vano ascensore, canna fumaria e pilastri, come potete vedere dall’esempio che vi abbiamo proposto.

MA VEDIAMO QUESTO ESEMPIO PIÙ NEL  DETTAGLIO:

2

QUANTO SPAZIO PER I NOSTRI LIBRI!

  • A ridosso del vano ascensore sono state creare tre spallette in muratura o cartongesso profonde circa 30 cm da attrezzare con mensole per i numerosi libri di casa. Altri ripiani ma di cristallo sono stati installati tra pilastro e parete del soggiorno.

 

 

1

NELLO STUDIO

 

 

  • Nello studio per nascondere la canna fumaria passante per la parete, si è attrezzata una serie di mensole per i libri per un’altezza di circa 2 mt costituendo di fatto una parete attrezzata. Accanto la porta è stato accostato un armadio di profondità ridotta e una scrivania ad “L” sotto la finestra. Una mini cassettiera, tre mensole e un divano-letto completano il mobilio.

 

Alla luce di quanto letto sopra, credo che sia il caso di dire…UN PROBLEMA, UNA SOLUZIONE!!!

 

Segui la mia rubrica su Media e Sipario – il Salotto buono dell’informazione

Pin It on Pinterest

Share This