fbpx

La casa domotica: i vantaggi e i costi

La casa domotica viene spesso definita “intelligente” in quanto è in grado di modificare la configurazione dei suoi apparati in funzione di variabili interne ed esterne.
Non solo, l’impianto domotico è anche un sistema integrato in grado di gestire in maniera coordinata le funzioni svolte tradizionalmente da singoli dispositivi, come interruttori, cronotermostati, videocitofoni, e sistemi d’allarme.

In Italia il trend di crescita degli impianti domotici supera il 20% all’anno

Nata a metà degli Anni Novanta, la domotica ha raggiunto importanti risultati attraverso lo sviluppo di un rilevante numero di applicazioni di qualità e la realizzazione di progetti complessi in ambito residenziale, commerciale e sociale.
Oggi, l’offerta dei principali player sul mercato si basa su un sistema di home e building automation dove ogni componente è progettato per assicurare alti livelli di compatibilità con le diverse apparecchiature e gli impianti presenti negli ambienti abitativi e lavorativi allo scopo di semplificare, rendere più flessibile ed economica la gestione delle attività quotidiane.

Cosa può gestire?

L’impianto domotico può avere diversi livelli di complessità, a seconda del numero e della tipologia dei dispositivi da controllare, come: punti luce, tapparelle e/o persiane, portoni, impianti audio-video (stereo, schermi, televisori, decoder, recorder), impianti di climatizzazione e/o di riscaldamento, sistema di videocitofonia e videosorveglianza, sistema antintrusione, sistema di irrigazione, ricircolo acqua e riscaldamento della piscina, tende da sole, cancello e box.

Dove si applica la Domotica

Benché la parola Domotica faccia pensare come utilizzo unico l’ambiente domestico, nella realtà attuale è applicata a molti altri settori, esterni alla casa privata.
La domotica è molto versatile e si può adattare bene alle necessità di molti diversi utilizzatori finali.
Le sue potenzialità sono così ampie che è il caso di elencarne alcuni esempi:

  • nelle case private per migliorare la qualità della vita di chi le abita e per ridurre i consumi di energia;
  • negli hotel, per tenere sotto controllo la gestione complessiva;
  • negli ospedali e nelle cliniche, per migliorarne l’efficienza di gestione e gli ambienti di cura e degenza;
  • nelle navi passeggere e yacht privati, per controllare in tempo reale i vari ambienti, anche da remoto;
  • per i disabili, per permettere loro di fare con semplicità cose che altrimenti non potrebbero fare se non aiutati da altri, e con difficoltà;
  • in ambiti industriali, in un’ottica di riduzione di costi.

Pin It on Pinterest

Share This